Cosa studia l’Urologia?

L’urologia è una branca della chirurgia che studia il sistema urinario nelle donne e il sistema genito-urinario negli uomini. Le malattie urologiche aumentano con l’avanzare dell’età delle persone. L’Urologia è una specialità estremamente complessa, varia e probabilmente l’unica che ingloba ogni tipo di tecnica: chirurgia convenzionale, laparoscopica, robotica, endoscopica e chirurgia microscopica.

Che specializzazioni hanno gli urologi?

Le patologie urologiche possono essere di diversa origine/natura e, normalmente, noi urologi ci “sub-specializziamo” in diversi rami dell’Urologia per poter offrire ai pazienti maggior qualità nei trattamenti delle varie patologie.

Con il fine di avere una breve idea, le patologie urologiche più frequenti sono:

  • I calcoli. Un calcolo o una litiasi è una massa più o meno dura che si sviluppa a partire da cristalli che si trovano nell’urina, dentro la via urinaria. Possono localizzarsi nel rene o dentro l’uretere (il tubo che porta l’urina dal rene alla vescica), nella vescica e nell’uretra. È interessante sapere che:
    • 1 di 10 persone formano un calcolo in uun momento della vita;
    • La possibilità di formare un calcolo in un qualsiasi momento della vita va dal 5% al 10%;
    • È più frequente formar calcoli tra gli uomini che tra le donne con un rapporto maschi/femmine di 3 a 1
    • Tra i 30 e i 50 anni è più facile fromar calcoli
    • Le persone che formano calcoli renali lo fanno più di una volta nella vita.
  • L’aumento benigno delle dimensioni prostatiche (iperplasia o ipertrofia prostatica). L’aumento benigno delle dimensioni prostatiche è un’affezione molto comune e fisiologica. Ha una relazione con i cambi ormonali i quali avvengono man mano che si va avanti con gli anni. Le patologie prostatiche possono arrivare ad essere molto preoccupanti per le persone però è importante sapere che l’ipertrofia/iperplasia benigna della prostata  non ha niente a che vedere con il tumore della prostata ne può diventarlo se non si tratta. Allo stesso tempo, però, entrambe le patologie possono svilupparsi parallelamente con l’età pertanto risulta conveniente programmare una visita con l’urologo per esporre qualsiasi dubbio a riguardo e per fare i controlli periodici.
  • Il tumore del rene, della via urinaria, prostata, vescica, testicoli, pene e uretra.
  • Vescica iperattiva. Si dice che una vescica è iperattiva quando si contrae per eliminare l’urina quando non deve. Se una persona sperimenta due o più di questi sintomi allora può essere che sia affetta da vescica iperattiva:
    • Urinare più di otto volte di giorno o più di due la notte;
    • Voglia improvvisa di urinare e forte necessità di urinare inmediatamente;
    • Perdita di urina dopo aver avuto una sensazione irrefrenabile di urinare.
  • La Nicturia. La nicturia, o la necesità di alzarsi la notte per andare al bagno ad urinare, è più frequente verificarlo con l’avanzare degli anni piuttosto che in un soggetto giovane. Con l’età si altera la capacità di immagazzinamento della vescica, la possibilità di posporrela minzione e la forza del flusso urinario. Per questa ed altre cause, il liquido ingerito durante il giorno si elimina più lentamente, incluso di notte. Le cause sono varie e possono risiedere nel:
    • Bere alcolici;
    • Alterazione del ritorno venoso e/o drenaggio linfatico;
    • Utilizzo di farmaci diuretici;
    • Ipoertrofia/ipeorplasia prostatica;
    • Instabilità della vescica;
    • Diabete non controllato.
  • L’incontinenza urinaria. L’incontinenza urinaria è la perdita di urina involontaria. I sintomi variano da una perdita di urina lieve fino ad arrivare ad una perdita d’urina abbondante ed incontrollabile. Può succedere a chiunque però è più commune con l’età. Le donne soffrono di questo problema il doppio delle volte rispetto agli uomini.
  • La disfunzione erettile o disfunzione sessuale. È l’incapacità di ottenere o mantenere, continuamente, una erezione sufficiente per terminare una relazione sessuale soddisfattoria. È un problema assolutamente comune e frequente nonostante la difficoltà, da parte dell’uomo, ad emmetterne l’esistenza. È necesario, per l’esperto, determinarne il grado di alterazione dell’erezione e, per questo, sono molto utili i questionari sull’erezione come il IIEF-5.
  • L’infertilità. L’infertilità può essere maschile o femminile.
    • L’infertilità maschile è l’incapacità dell’uomo di fecondare l’ovulo. La fertilità maschile può essere condizionata da alterazioni ormonali o endocrinologiche, malattie infettive o condizioni infiammatorie, disturbi immmunologici, fattori ambientali e dello stile di vita o a malattie genetiche associate ad anomalie del liquido seminale.
    • I problemi di infertilità femminile più frequenti hanno una relazione diretta con l’età della donna. Studi scientifici indicano come il declino fisiologico della fertilità comincia a partire dei 30 anni. A aprtire dai 35 e, specialmente, ai 40 anni, possono verificarsi difficoltà concrete per ottenere progenie. Qeusto si deve, soprattutto, al fatto che la riserva overica delle donne diminuisce progressivamente e la qualità degli ovociti peggiora con l’età.
  • Il dolore pelvico. Il dolore pelvico è un problema frequente che interessa maggiormente il sesso femminile. La sua natura e intensità variano e, molte volte, non è facile identificarne la causa mentre spesso non c’è evidenza di patologie che possano spiegarlo. Il dolore può essere categorizzato come acuto, che significa che il dolore è  improvviso ed intenso, o cronico nel quale il dolore dura per un periodo di mesi o più. Il dolore pelvico può  provenire dagli organi genitali, extra-genitali, della pelvi e può avere in molti casi una componente psicologica associata che può far notare il dolore più intensamente o può, addirittura, causare una sensazione di dolore in assenza totale di un problema fisico.
  • Le infezioni urologiche o urinarie. Una infezione urinaria (UTI, dall’acronimo inglese Urinary Tract Infections) è un’infezione di un qualsiasi tratto della via urinaria. Le infezioni sono causate per la grande maggioranza da batteri. In generale, i batteri che entrano nella via urinaria si eliminano rapidamente prima di dar luogo a sintomi urinari o causare infezioni; a volte, però, supeorano le difese naturali del corpo e possono dar luogpo ad un’infezione.

Per sapere di più sui trattamenti nei quali posso aiutare visiti i seguenti appartati:

  1. Problemi con la prostata.
  2. Problemi di incontinenza di urina
  3. Fimosi

Last Updated on by Marco Cosentino