Se stai cercando un andrologo per l’intervento di varicocele a Roma, hai trovato il professionista che fa per te. Sono il Dr Marco Cosentino, urologo ed andrologo con 8 anni di esperienza professionale fuori dall’Italia presso uno dei più rinomati centri urologici ed andrologici a livello mondiale.

Eseguo ogni tipo di intervento andrologico e di varicocele a Roma ed in Italia. Il varicocele è una patologia assolutamente comune e frequente nei giovani e nei giovani adulti con un’incidenza nella popolazione che può arrivare al 65% anche in base all’età. In termini pratici è una “varice” (una vena dilatata o un gruppo di vene dilatate) che è situata nel cordone che porta sangue ed altro al testicolo e viceversa. Oltre ad essere dilatate, le vene devono essere anche refluenti, cioè devono muovere il sangue sia in un senso che in quello opposto. Questo stato può alterare la crescita e la funzionalità del testicolo e può portare ad alternazioni della qualità del seme sino all’infertilità e sterilità.

Diagnosi e cure

Infertilità Varicocele

La diagnosi è solitamente eseguita tramite l’esplorazione fisica dei genitali, l’ecografia rappresenta una prova ancillare. Le opzioni chirurgiche per il trattamento del varicocele sono varie e diverse sono le tecniche chirurgiche sperimentate nel corso degli ultimi 60 anni. Attualmente, il trattamento d’elezione del varicocele è rappresentato dalla legatura microchirurgica delle vene. Pur essendo una tecnica comune all’estero da più di 10 anni, in Italia non ha ancora preso piede per diverse ragioni tra cui la sua complessità tecnica. Io la eseguo ambulatorialmente ed in anestesia locale: il paziente accede alla struttura, viene operato ed al termine dell’intervento è libero di tornare a casa. Ha una durata variabile sino a più di un’ora.

I benefici e i vantaggi dell’intervento

I vantaggi di questa tecnica sono svariati: consente di legare selettivamente ogni singola vena, consente di risparmiare (perché è visibile) l’arteria spermatica (il vaso che porta nutrimento al testicolo), consente di risparmiare tutti i casi linfatici (anch’essi visibili) riducendo al 1% la percentuale di pazienti con idrocele secondario a varicocele (la complicanza più frequente con un’incidenza che può arrivare sino al 40% in base alla tecnica utilizzata). In diversi studi scientifici internazionali pubblicati in epoche recenti e passate, questa tecnica è sempre descritta come quella che presenta i risultati migliori in termini di:

1) tasso di gravidanze spontanee dopo trattamento

2) miglioria dei parametri seminali.

Sempre la stessa tecnica è descritta come quella che presenta minor tasso di recidiva e complicanze.

 

Last Updated on by Marco Cosentino