Dr Marco Cosentino

Articles and Interviews

European Urology

.

Can tyrosine kinase inhibitors be discontinued

.

.Urologia

.

EUROPEAN UROLOGY

.
Can tyrosine kinase inhibitors be discontinued in patients with metastatic renal cell carcinoma and a complete response to treatment? A multicentre, retrospective analysis. (Continued below)

Medical and Scientific Publishers

Laparoscopic management of spontaneous retroperitoneal hemorrhage

.

.

LogoKarger_Cosentino

.


KARGER

.
Laparoscopic management of spontaneous retroperitoneal hemorrhage (Continued below)

National Center for Biotechnology Information

Upper urinary tract urothelial cell carcinoma

 

cosentino_ncbi_logo

.


NCBI

.
Upper urinary tract urothelial cell carcinoma: location as a predictive factor for concomitant bladder carcinoma (Continued below)

International Journal of Andrology

A second transurethral resection could be
not necessary in all high grade non-muscle-invasive
bladder tumors

marco-cosentino-logo-rivista

.

.

.
International Urology and Nephrology

Evaluate the rate of residual tumor, understaging and perioperative complications in patients with high grade (Continued below)

International Urology and Nephrology

Alloplastic bladder substitution

.marco cosentino urology

.
International Urology and Nephrology

Alloplastic bladder substitution: are we making progress? (Continued below)

World Journal of Urology

.
The use of mannitol

.
marco cosentino journal

.
World Journal of Urology

The use of mannitol in partial and live donor nephrectomy: an international survey. (Continued below)

ragusanews

.
Varicocele

.
marco cosentino foto

.
ragusanews (07/06/2016)

Dr. Marco Cosentino speaks of varicocele. (Continued below)

National Center for Biotechnology Information

.
Vesico-ureteral reflux,
endoscopic management.

.
cosentino_ncbi_logo

.
.
NCBI

Vesico-ureteral reflux, endoscopic management (continued below)

National Center for Biotechnology Information

.
Juvenile granulosa cell
tumor of the testis

.
cosentino_ncbi_logo

.
.

NCBI

Juvenile granulosa cell tumor of the testis: a bilateral and synchronous case. Should testis-sparing surgery be mandatory?

International journal of Andrology

.
Priapism secondary to tamsulosin:
A case report

.marco-cosentino-logo-rivista

.
.

.
.
.

International journal of Andrology

Priapism secondary to tamsulosin: A case report.

National Center for Biotechnology Information

.
Urethral Condylomas
in men

.
cosentino_ncbi_logo

.

.
NCBI

Urethral condylomas in men: experience in 123 patients without previous treatment.

ragusanews

.

Contraceptive
male

.

vasectomia_marco_cosentino

.

.

ragusanews (leggi articolo)

With Dr. Marco Cosentino we speak today about a very interesting topic and taboo, the anti-conceptional men. Exists?? (Continued below).

National Center for Biotechnology Information

Surgical treatment of Peyronie’s disease

.

cosentino_ncbi_logo

.
.

..
NCBI (31/03/2016)

Surgical treatment of Peyronie’s disease with small intestinal submucosa graft patch.

ragusanews
.

Eyaculacion precoz and erections, nightmares than men

Dr Marco Cosentino artículos y entrevistas

Ragusanews (leggi articolo)

He met with Dr Marco Cosentino; Interview of premature ejaculation (continued below).

ragusanews
.

Sicilian, Andrologist,
success in Spain

Dr Marco Cosentino artículos y entrevistas

Ragusanews (leggi articolo)

He met a few days ago Dr. Marco Cosentino, a surgeon, urologist, who works and works in Spain for some time returned to Sicily for short advisory periods. (Continued below).

Abstract

INTRODUCTION: Discontinuation of treatment with tyrosine kinase inhibitors and readministration in case of recurrence could improve quality of life and reduce treatment costs for patients with metastatic renal cell carcinoma in which a complete remission is achieved by medical treatment alone or with additional resection of residual metastases.

MATERIAL AND METHODS: Objective of the paper is to evaluate whether TKIs can be discontinued in these selected patients with mRCC. A retrospective analysis of medical records and imaging studies was performed on all patients with mRCC treated with TKIs (n = 266) in five institutions. Patients with a CR under TKI treatment alone or with additional metastasectomy of residual disease following a partial response, in which TKIs were discontinued, were included in the analysis. Outcome criteria analysed were time to recurrence of previous metastases, occurrence of new metastases, symptomatic progression, improvement of adverse events, and response to reexposure to TKIs. Sunitinib 50 mg/day for 4 wk on and 2 wk off, Sorafenib 800 mg/day.

RESULTS: We identified 12 cases: 5 CRs with Sunitinib, 1 CR with Sorafenib, and 6 surgical CRs with Sunitinib followed by residual metastasectomy. Side-effects subsided in all patients off treatment. At a median follow-up of 8.5mo (range: 4–25) from TKI discontinuation, 7 of 12 patients remained without recurrence and 5 had recurrent disease, with new metastases in 3 cases. Median time to progression was 6 mo (range: 3–8). Readministration of TKI was effective in all cases. The study is limited by small numbers and retrospective design.

CONCLUSIONS: Discontinuation of TKI in patients with mRCC and CR carries the risk of progression with new metastases and potential complications. Further investigation in a larger cohort of patients is warranted before such an approach can be regarded as safe.

Abstract

INTRODUCTION: Wünderlich’s syndrome is a spontaneous nontraumatic massive retroperitoneal hemorrhage.
It is usually secondary to a renal neoplasm, with angiomyolipoma being the most frequent followed by renal cell carcinoma.
The management of spontaneous retroperitoneal bleeding varies depending on the hemodynamic status of the patient.
We present the first report of a transperitoneal laparoscopic nephrectomy in a patient with spontaneous retroperitoneal active bleeding secondary to a right renal mass.

Abstract

INTRODUCTION: Objective was to investigate the existence of predictive factors for concomitant, primary UUT- UCC and BC. Upper urinary tract urothelial cell carcinoma (UUT-UCC) is a pan-urothelial disease of the transitional epithelial cells. Although several studies have shown the association of bladder recurrence following UUT-UCC, little is known on the incidence of concomitant UUT-UCC and bladder cancer (BC) without previous BC.

MATERIAL AND METHODS: A retrospective review of 673 patients diagnosed and treated for UUT-UCC was performed. Patients with history of BC were excluded. We investigated age, sex, location of the upper tract tumor (calyx, renal pelvis, upper ureter, mid-ureter, lower ureter), multifocality, clinical symptoms, tumor grade and pathological stage. Contingency tables and chi-square test were used for categorical variables and analysis of variance (ANOVA) for quantitative variables.

RESULTS: 450 patients eligible for inclusion were identified. Of these, 76 (17 %) presented concomitant primary UUTUCC and BC. Location of primary UUT-UCC was in calyx and/or renal pelvis in 25 patients (34 %), upper ureter 8 (11 %) and lower ureter 37 (49 %). In 6 patients (8 %), data were missing. Concomitant BC was found in 10, 18, and 33 % of patients with primary caliceal/renal pelvis, upper ureter and lower ureter UUT-UCC, respectively. On multivariate analysis, location of UUT-UCC was the only predictive factor for concomitant bladder tumor (OR: 1.7; 95 % CI, 1.007–2.906 p = 0.047).

CONCLUSIONS: Our findings suggest that the possibility of concomitant BC in primary diagnosed patient with UUTUCC is as high as 33 % and mainly depends on upper tract tumor location.

Abstract

INTRODUCTION: Evaluate the rate of residual tumor, understaging and perioperative complications in patients with high grade non-muscle-invasive bladder cancer who underwent second transurethral resection (re-TUR).

MATERIAL AND METHODS: A retrospective review of 47 patients with high grade non-muscle-invasive bladder cancer who underwent second TUR from January 2007 to December 2009 at our institution. We evaluated the rate of residual tumor and understaging detected by re-TUR, complications, and the cost of the surgery.

RESULTS: Twenty-two patients underwent second TUR because of the absence of muscle in the initial resection specimen (cTx). We observed residual disease in 8/47 patients (17%) and understaging in 2 cases (4.2%), the only 2 patients understaged muscularis propria was not present in the sample of initial TUR. The other 20 cTx (90%) were cT0 in the re-TUR. We did not identify any case of cT1 understaged in the re-TUR (≥cT2). Six patients (12.6%) reported complications related with the second TUR (one urethral stricture, two patients required reintervention because of bleeding, one febrile urinary infection and two bladder perforations).

CONCLUSIONS: Our findings show that the absence of muscle in the initial resection specimen is the only risk factor for understaging. Therefore, we consider re-TUR is mandatory in these cases. On the other hand, when complete TUR has been performed and the muscularis propria is present and tumor free (cTa-T1), we consider systematic re-TUR is not necessary and only indicated in selected patients, even more if we consider that re-TUR is not exempt from complications.

Abstract

INTRODUCTION: Radical cystectomy with lymphadenectomy and urinary diversion is the gold standard treatment for bladder cancer in organ-confined muscle-invasive disease and selected patients who have high-grade non-muscle-invasive disease or are non-responders to BCG. The main and most morbid complications of this challenging surgery are related to the use of bowel for urinary tract reconstruction. For this reason, many past projects were devoted to finding an alternative to the use of bowel. The aim of this review is to provide a summary of the evolution of alloplastic bladder substitution.

MATERIAL AND METHODS: A comprehensive review of the literature was performed using the Medline National Library of Medicine database and Google Scholar. Keywords used were cystectomy and intestine/bowel, replacement, bladder substitution, organ replacement, artificial bladder, alloplastic material, biomaterial, and tissue engineering.

RESULTS: Various prostheses have been proposed for replacement of the urinary bladder, silicone being the most frequently used material. The first published model of an alloplastic bladder was described by Bogash et al. in late 1959, while the last, in 1996, was suggested by Rohrmann.

CONCLUSIONS: Interprofessional collaboration, recent advances in technology and tissue engineering may help in developing suitable bladder prostheses. Urologists as well as engineers and the industry need to give this matter serious attention.

Abstract

INTRODUCTION: Animal studies have shown the potential benefits of mannitol as renoprotective during warm ischemia; it may have antioxidant and anti-inflammatory properties and is sometimes used during partial nephrectomy (PN) and live donor nephrectomy (LDN). Despite this, a prospective study on mannitol has never been performed. The aim of this study is to document patterns of mannitol use during PN and LDN.

MATERIAL AND METHODS: A survey on the use of mannitol during PN and LDN was sent to 92 high surgical volume urological centers. Questions included use of mannitol, indications for use, physician responsible for administration, dosage, timing and other renoprotective measures

RESULTS: Mannitol was used in 78 and 64 % of centers performing PN and LDN, respectively. The indication for use was as antioxidant (21 %), as diuretic (5 %) and as a combination of the two (74 %). For PN, the most common dosages were 12.5 g (30 %) and 25 g (49 %). For LDN, the most common doses were 12.5 g (36.3 %) and 25 g (63.7 %). Overall, 83 % of centers utilized mannitol, and two utilized furosemide for renoprotection. A large majority of high-volume centers performing PN and LDN use mannitol for renoprotection.

CONCLUSIONS: Since there are no data proving its value nor standardized indication and usage, this survey may provide information for a randomized prospective study.

Salve nuovamente, oggi parliamo di un argomento molto spinoso e che suscita preoccupazioni: il varicocele. Prima di addentrarci cominciamo con la definizione del varicocele: si tratta di una dilatazione varicosa delle vene del “plesso pampiniforme”; una varice, per capirci, localizzata a livello del cordone che porta sangue e altro al testicolo. E’ conosciuto da circa 100 anni mentre dal 1952, anno nel quale un Autore identificò il varicocele come causa di infertilità, viene studiato e trattato soprattutto per questo. Tale patologia rappresenta un problema comune nella pratica clinica e nella medicina della riproduzione e si può riscontrare nel 15% delle persone “normali”, in circa il 35% delle persone con infertilità primaria ed in circa il 70-80% delle persone con infertilità secondaria. E’ più frequente nel lato sinistro rispetto al destro per ragioni anatomiche e, nella gran maggioranza dei casi, non è associato a dolore o a sintomatologia; è diagnosticato attraverso l’esposizione fisica ed è classificato in 3 gradi secondo l’”impotenza” delle varici; l’ecografia con il doppler testicolare è una prova ancillare ma obbligatoria. Molto si è discusso e si discute riguardo le cause del danno testicolare, i meccanismi d’azione, su come possano questi determinare un’alterazione dei parametri seminali fino all’infertilità, qual è la tecnica chirurgica migliore e quando operare. Se dovessi parlarne per esteso non finirei mai e vi annoierei, cercherò di focalizzare il vostro interesse su pochi concetti. Non sappiamo ancora bene come, ma il varicocele può provocare una riduzione del volume testicolare ed un danno alle cellule che producono gli spermatozoidi che può portare sino all’infertilità. Sono chiamati in causa come responsabili del danno l’aumento della temperatura testicolare, l’esposizione prolungata del testicolo a sostanze tossiche nonché altri fattori; tuttavia l’essere affetti da varicocele non comporta necessariamente avere un problema o essere inferiti p dover subire un intervento. Ci sono molte persone che hanno il varicocele e hanno figli, quindi una cosa non esclude l’altra. Quale tecnica chirurgica eseguire. L’obiettivo numero 1 della correzione del varicocele è il miglioramento dei parametri seminali evitando le possibili complicanze. Le tecniche sviluppate negli ultimi 60 anni sono veramente tante e diverse: legatura alta delle vene spermatiche, legatura bassa, legatura sub-inguinale, l’embolizzazione e la radiologia interventistica, la sclerotizzazione anterograda e, infine, la microchirurgia. Molti sono i lavori scientifici che parlano di risultati e complicanze delle varie tecniche e che confrontano le varie opzioni terapeutiche. Fra tutte queste, la microchirurgia rappresenta l’ultima arrivata nonché la più sicura, con meno complicanze e migliori risultati in termini di recupero del volume testicolare, miglioramento dei parametri seminali e tassi di gravidanze spontanee. Sebbene la microchirurgia sia stata introdotta negli anni ’70 principalmente per l’intervento reversibile della vasectomia (la vaso-vasectomia), la legatura microchirurgica delle vene spermatiche è diventata dal 2005-2006 la tecnica d’elezione per il trattamento del varicocele nei centri andrologici di eccellenza e permette di legare selettivamente tutte le vene spermatiche, grazie all’utilizzo di un microscopio ad ingrandimento ottico, e di identificare e risparmiare i vasi linfatici (evitando così la complicanza dell’idromele) e l’arteria spermatica (evitando altre spiacevoli complicanze testicolari). In più, la possibilità di avere una recidiva del varicocele con questa tecnica si attesta attorno al 1%; vi consiglio a riguardo di vedere attentamente il video dell’intervento presente nella sezione “varicocele” della mia pagina web www.marcocosentino.com/it. Perché in Italia non si esegue con il microscopio? La legatura microchirurgica delle vene spermatiche non si pratica in Italia perché è un intervento tecnicamente molto ma molto complesso che richiede un gran maestro, grande conoscenza della microchirurgia, una buona dotazione tecnologica, mano fermissima e tanta esperienza… io ho terminato nel 2013 la mia cura d’apprendimento con una casistica da fare invidia, ed ora lo eseguo anche in ambulatorio, con anestesia locale.
Spero di aver dato qualche informazione utile in più, ci vediamo a Caltagirone o Modica in caso di dubbi. Buone vacanze a tutti e a settembre!

Abstract

INTRODUCTION: Vesico-ureteral reflux (VUR) is defined as the retrograde flow of urine from the bladder to the upper urinary tract and is distinguished in primary and secondary. It is present in 25-70% of children who have a urinary tract infection (UTI) associated with pyelonephritis, the association between UTI and VUR predisposes children to have renal scarring with consequent alteration of the functionality until chronic renal failure.

MATERIAL AND METHODS: We realized a review of the literature on the endoscopic treatment of vesico-ureteral reflux analyzing the different techniques, materials used for endoscopic injection, indications and complications described in the literature.

RESULTS:  Over 100 articles we found on the endoscopic treatment of reflux with indications, complications and outcomes in the short, medium and long term. Of these we selected the most recent and current European and American Guidelines.

CONCLUSIONS: Endoscopic treatment of reflux has become gradually the technique of choice for the primary treatment of vesico-ureteral reflux associated with pyelonephritis or urinary tract infections and permits to delay the use of open surgery.

Abstract

Granulosa cell tumor of the testis is an infrequent stromal cell tumor that can be distinguished into adult and juvenile, the latter being more common. Juvenile granulosa cell tumor of the testis is a rare pathologic finding, accounting for 1.2%-3.9% of prepubertal testicular tumors. It is considered as a benign stromal sex cord tumor and is usually unilateral. Although radical surgery was previously considered the treatment of choice, testis-sparing surgery is now recommended in all cases where applicable. We report a bilateral synchronous juvenile granulosa cell tumor in a 6-month-old child treated with testis-sparing surgery and provide a review of the literature.

Abstract

Priapism is defined as a continuous erection of the penis without any sexual desire and with a duration of more than 4 h; this phenomenon represents a medical emergency requiring urgent treatment and can be followed by fibrosis of the corpora cavernosa and permanent impotence. Priapism can be divided into three subtypes depending on the cause and can be induced by certain agents. We present a case report of priapism induced by tamsulosin treatment in a patient with obstructive lower urinary tract symptoms (LUTS) and also review the relevant literature. Priapism secondary to tamsulosin treatment is a rare event that has seldom been reported in the literature. In cases of priapism secondary to medical treatment, interruption of treatment should avoid further events.

marco-cosentino-img-globe
Article NCBI

Abstract

The most common sexually transmitted infection is infection by human papillomavirus. There are more than 100 types of human papillomavirus, and over 30 of them involve the genital area. Urethral involvement is uncommon and usually limited to the distal 3 cm of the meatus. There are various treatments for urethral condylomas; as a rule, they are limited by a difficult approach, by recurrences, and by potential complications, the most significant of which is urethral stenosis. The purpose of the treatments is to remove the warts and induce lesion-free periods. Such treatments do not eliminate the infection nor do they prevent continued transmission of the virus. We retrospectively evaluated 123 patients diagnosed and treated for condylomas in the genital area at our Institution between April 2009 and April 2012. The patients’ mean age was 28.7 years (range 19–51). Of the 123 patients included, 48 (39%) had a history of previous STIs, most frequently gonococcal urethritis. Three of them had a urethral malformation in the shape of hypospadias, and other three reported a previous urologic manipulation (catheterisation). Meatal/urethral condylomas are rare, cryotherapy is simple, easy to apply, and has a very low risk of complications in patients with externally accessible warts.

marco-cosentino-foto-news3
Interview ragusanews 25/04/2016

L’anticoncezionale maschile.

Con il Dr Marco Cosentino parliamo oggi di un argomento molto interessante e tabù, l’anti-concezionale maschile. Esiste?

Carissimi è sempre un piacere, finalmente una domanda che fa arrossire gli uomini! L’anticoncezionale maschile esiste (almeno dal 1800…) solo che in Italia si parla molto poco a riguardo e l’argomento è assolutamente tabù, faccio riferimento alla Vasectomia. L’anno scorso, per diletto personale, ho chiamato a riguardo una trentina di Centri tra nord e sud Italia che riferiscono avere un Andrologo tra gli specialisti e ho chiesto se eseguivano tale intervento. Dato veramente sorprendente è stato sentire che quali il 100% dei centri riferisce che il procedimento è illegale in Italia e, cosa ancora peggio, ho avuto la stessa risposta ponendo la stessa domanda a diversi colleghi italiani. La vasectomia è un intervento legale in Italia dal 1978 e addirittura la Cassazione ha ribadito il concetto nel lontano 1987.

Prima di parlarvi della vasectomia mi piacerebbe fare un breve accenno all’anti-concezionale.
Ad oggi svariati sono i farmaci e le tecniche presenti che permettono ad una donna di non restare incinta o di rimediare in caso di rotture di preservativo o di gravidanza non desiderata o, se già si hanno dei figli, di trattarsi per avere una vita sessuale più “tranquilla”.
E per l’uomo? Beh, i mezzi a disposizione dell’uomo in tal senso sono assolutamente limitati ed includono unicamente il preservativo e la vasectomia, non esiste altro (se escludiamo la “retromarcia” o coito interrotto). Il preservativo risale ai tempi degli egiziani (circa 1500 a.C.), metre la vasectomia è conosciuta e praticata dal 1800 circa; per le industrie farmaceutiche non ha il minimo senso spendere per inventare l’anticoncezionale maschile già che esiste di tutto per la donna. Tale intervento (la vasectomia) rappresenta il procedimento chirurgico più frequente eseguito dagli Urologi negli Stati Uniti ed è più semplice, rapido, sicuro, economico, meno invasivo ed effettivo come tecnica anticoncettiva rispetto qualsiasi procedimento “femminile”. L’intervento consiste nel sezionare una parte del condotto che permette agli spermatozoidi di fuoriuscire dai testicoli, è eseguibile ambulatorialmente ed in anestesia locale e gli effetti collaterali sono assolutamente trascurabili e gestibili con anti-infiammatori e altre misure locali. Non modifica l’organismo, l’eiaculazione, il piacere o altro, il cambio è unicamente microscopico: l’uomo eiacula seme privo di spermatozoidi. Considero personalmente un’assurdità vedere coppie di 40 anni con prole nelle quali la donna prende ormoni o ha un DIU o che pensano fare la legatura delle tube… tanto meno di 10 minuti nel fare una vasectomia e i benefici sono ovviamente per entrambi. Già che ci siamo mi piacerebbe sfatare anche l’altro mito riguardo la vasectomia, cioè che sia un intervento “irreversibile”: era reversibile alla fine del 1800 e con l’avvento della microchirurgia negli anni ’80 i risultati in termini di reversibilità sono arrivati al 80-90% circa (in mani esperte). Qualora si abbia la sfortuna di cadere nel 10-20% della possibilità di insuccesso, esistono le tecniche di riproduzione assistita che permettono bypassare il problema con una semplice biopsia testicolare, e io sono l’andrologo di riferimento dei 2 più seri centri di riproduzione assistita spagnoli con quasi 30 anni di esperienza nel settore. Qui a Barcellona pratico dal 2009 una ventina vasectomie al mese che, dal 2012, sono diventate circa 8-9 la settimana e la ferita è di circa 6-8 mm grazie ad uno strumento che mi permette di separare la cute senza inciderla.
Ultima curiosità, un paziente alla settimana viene ad operarsi a Barcellona provenendo dall’Italia, ora potete risparmiare viaggio ed hotel, ci vediamo a Modica.

marco-cosentino-img-globe
Article NCBI 31/03/2016

Abstract

The objective of the study was to report our results using a porcine small intestinal submucosa graft (Surgisis ES, Cook Medical) for tunica albuginea substitution after plaque incision. We retrospectively evaluated patients surgically treated at our institution for Peyronie’s disease (PD) by means of plaque incision and porcine small intestinal submucosa grafting (Surgisis) between 2009 and 2013. At the same time a literature review was conducted, searching for similar reports and results. Forty-four patients were identified who had been diagnosed with PD between 2009 and the beginning of 2013, and had been treated with corporoplasty, plaque incision and grafting with Surgisis for a severe curvature of the penis. Curvature of the penis was dorsal in 40 patients (90%) and laterally on the right in 4 patients (10%). Mean duration of surgery was 165 min (range 90–200). Mean size of the graft was 6.5cm2 and the mean follow-up was 19.2 months (range 11–48). In patients with severe curvature of the penis due to PD and the need for corporoplasty with plaque incision and graft placement, Surgisis represents a good option with a low risk of complications, below the rate described with previously investigated graft tissues

marco-cosentino-foto-news3
Interview ragusanews 10/03/2016

Molti uomini hanno l’incubo delle prestazioni. Come risolvere il problema dell’eiaculatio precox?

L’eiaculazione precoce (e.p.) è un problema assolutamente diffuso e si stima che la sua incidenza rasenti il 60% nei soggetti giovani. “L’incubo delle prestazioni” rappresenta il vero problema delle persone affette da e.p.: quando l’uomo si fissa con certi pensieri e perde la spontaneità nella relazione sessuale, entra in un circolo vizioso che lo porterà a pensare più al tempo che alla relazione in se (resisterò di più? eiaculerò presto?). Prima di tutto bisogna parlare con il paziente e capire se davvero presenta questo problema, più di una volta ho visitato persone che credono di essere affetti da eiaculazione precoce perché eiaculano ai 10 minuti dalla penetrazione…e questo è ben sopra la media. Gli ultimi lavori scientifici a riguardo concordano nel parlare di e.p. quando il tempo dalla penetrazione all’eiaculazione è di circa 1 minuto, mentre la media europea tra soggetti “normali” è di circa 2-3 minuti. Il trattamento dell’e.p. è una cosa ben più complicata da spiegare ma ci proverò. In passato è esistita una solida linea di pensiero che attribuiva al pene la causa dell’e.p., attualmente sappiamo bene che il problema non ha niente a che vedere col pene già che la causa è centrale, la testa; da allora, abbiamo a disposizione dei farmaci che agiscono a tale livello ritardando l’eiaculazione. Essendo un problema centrale, il trattamento medico sarà solo di “appoggio”, cercherà di dare sicurezza al paziente nel breve termine, e potrà accompagnarsi da una valutazione da parte di un sessuologo.

Scarsa erezione. Quali sono i rimedi?

Scarsa erezione, termine scientifico… Bisogna distinguere tra pene non sufficientemente rigido per penetrare o penetrazione possibile ma detumescenza precoce (pronta perdita di rigidità). Lo studio del paziente affetto da disfunzione erettile (DE) comprende una serie di domande volte a identificare la presenza dei vari fattori di rischio per la DE, alcuni di questi sono correggibili mentre altri no. Anche qui, come nell’eiaculazione precoce, la testa può giocare un ruolo principale ed essere la causa del problema; in questi pazienti il trattamento medico con farmaci che permettono un’erezione “più facile” serve solo a dare sicurezza e una valutazione da parte di un sessuologo potrebbe essere utile. Nella maggior parte dei pazienti il problema è organico e dovuto a vari fattori. L’erezione si ottiene perché entra sangue nel pene che, attraverso un sistema valvolare, rimane dentro il pene e ciò conferisce rigidità. Le famose pillole che si utilizzano altro non sono che vasodilatatori e permettono al sangue di entrare nel pene con meno difficoltà, sono farmaci abbastanza sicuri e, al contrario di quanto si dice popolarmente, non provocano infarti se prescritti da un medico e col dovuto controllo. Gli altri mezzi che abbiamo a disposizione sono sempre della stessa famiglia, cambiano la via di somministrazione (gel intra-uretrale / supposte intra-uretrali / iniezioni intra cavernose), gli effetti collaterali e le indicazioni/controindicazioni mediche hanno tutti lo stesso obiettivo che è quello di facilitare l’entrata di sangue nel pene. Quando, invece, i mezzi disponibili diventano non efficaci allora bisogna ricorrere a rimedi più estremi come la protesi di pene il cui scopo è conferire rigidità al pene. Le protesi possono essere di due tipi: semi-rigide che comportano un pene sempre eretto, o idrauliche (attivabile tramite una pompetta situata nello scroto) che permettono di irrigidire il pene solo al momento del bisogno. Anche qui ci sono indicazioni e controindicazioni specifiche e solo lo specialista decide a quale intervento sottoporre il paziente. La degenza media è di 48 ore (dall’ingresso alla dimissione) e, come accennai l’ultima volta, esiste una nuova tecnica che permette di impiantare una protesi semi-rigida ambulatoriamente ed in anestesia locale.

Quali sono le differenze fra un uomo circonciso e uno non circonciso?

Le differenze vanno dal piano estetico a quello infettivo, della sensibilità ed igienico. Il prepuzio, la pelle che ricopre il glande, è una struttura particolarmente vascolarizzata e ricca di innervazione sensitiva; il suo scopo è quello di proteggere il glande ed ha anche una funzione esogena. Visivamente l’uomo circonciso si presenterà con il glande scoperto (totalmente o parzialmente ed eseguibile ambulatoriamente). Riduce il rischio di trasmissione del HPV (Virus del Papilloma Umano) già che questo ha una predilezione, ed attecchisce meglio, a livello delle mucose; con la circoncisione la mucosa (parte interna del prepuzio) si epitelizza e il rischio di infettarsi diminuisce. Oltre al HPV, la circoncisione riduce il rischio di trasmissione del HIV (Virus dell’Immunodeficienza Umana) e rappresenta il mezzo preventivo d’eccellenza in Africa; in europa questo mezzo non è costo effettivo e ci sono altri mezzi come il preservativo di più facile accesso e meno invasivi. Può modificare la sensibilità del glande? In persone con glande particolarmente sensibile, la circoncisione può ridurre l’ipersensibilità di questo (sempre epitelizzando la mucosa) potendo in teoria favorire anche una relazione più prolungata nel tempo. A livello igienico, infine, è anche da preferire un pene circonciso a uno non già che molti uomini hanno la cattiva abitudine di urinare senza detrarre il prepuzio. Questo può dar seguito ad accumulo di secrezioni (smegma) nella parte interna del prepuzio che può provocare infezioni e progressiva difficoltà nel retrarre la pelle prepuziale fino all’impossibilità a retrarla.

marco-cosentino-foto-news3
Interview ragusanews 17/02/2016

Dottor Cosentino, chi è l’andrologo e in cosa consiste il suo lavoro?

L’Andrologo è il medico specialista in salute dell’uomo. Più nello specifico è lo specialista che si occupa della salute riproduttiva ed uro-genitale dell’uomo. Il mio lavoro, oltre a quello da urologo, include lo studio e la cura dei problemi sessuali e di fertilità, le anomalie dei genitali come l’incurvazione del pene, i problemi di erezione ed eiaculazione e le malattie di trasmissione sessuale. A parte questo, il concetto di andrologia e di andrologo che ho studiato è quello di una figura che deve ricoprire per l’uomo ciò che il ginecologo ricopre per la donna: uno specialista da consultare per fare un controllo dei genitali, della fertilità o della via urinaria indipendentemente dalla presenza di problemi.

Ci fa un esempio di casi clinici in cui c’è bisogno dell’andrologo?

Coppia giovane che cerca di avere un figlio da tempo, la moglie controllata dal ginecologo ed apparentemente senza problemi mentre il marito non ha mai fatto un’analisi del liquido seminale (spermiogramma) per vergogna o perché pensa che non può avere lui il problema. Finalmente realizza lo spermiogramma e si rende conto di avere spermatozoi che si muovono lentamente o la cui forma è alterata o che sono pochi di numero. L’andrologo in questo caso procede con lo studio del paziente ricercando la causa che ha portato il problema di fertilità e offrendo una opzione di trattamento che aiuti la coppia a raggiungere l’obiettivo preposto. Dall’andrologo, comunque, bisognerebbe andare parallelamente al ginecologo e gli studi devono essere della coppia e non solo della moglie. Ciò permetterà di risparmiare tempo, pazienza e risorse. Timori, vergogne e pregiudizi dovrebbero essere solo il ricordo di un’altra epoca e non di questa nella quale viviamo.

Dove opera lei e perché?

Dove opero e perché?…bella domanda. Diciamo che ho diverse offerte tanto in Sicilia quanto al nord Italia e, ovviamente a Barcellona dove vivo, lavoro e opero da 7 anni. Ci sono buone strutture in Sicilia e a Ragusa ce n’è una che mi interessa molto, vedremo prossimamente ma al momento visito a Modica presso il Centro Sacro Cuore. L’Italia non è il classico Paese dove ai giovani venga dato molto spazio…lo sapere vero? Posso essere bravo, avere titoli ed essere l’unico in Italia ad averli, pubblicare su riviste internazionali e altro…ma sono giovane e questo può rendere le cose più difficili. Avete un’altra domanda??

Qual è stato il suo percorso professionale?

Dopo la Laurea in Medicina e Chirurgia ottenuta a Catania, ho proseguito i miei studi universitari a Padova dove ho studiato e mi sono specializzato in Urologia. Al termine della specializzazione ricevo un’offerta di lavoro altamente formativa presso uno dei centri più d’eccellenza europei, la Fundacio Puigvert a Barcellona in Spagna. Quando ero pronto a tornare in Italia lo stesso direttore del centro, visti i titoli e risultati ottenuti, mi offre di restare studiando una parte dell’urologia ad altissimo livello e di prendere una seconda specializzazione, in Andrologia, presso uno dei pochissimi centri europei in grado di rilasciare tale certificato. Mentre in Italia è sufficiente essere specialista in Urologia per esserlo anche in Andrologia, presso tale ospedale universitario, ho studiato per 2 anni per ottenere un titolo di specialista in andrologia riconosciuto dall’Accademia delle Scienze Mediche Spagnola e dalla European Academy of Andrology e io sono il primo italiano in più di 75 anni di storia del centro ad ottenere tale titolo.

Problemi di erezione, come si può intervenire?

La cosa facile è prescrivere una pillola che possa aiutare a risolvere il problema dell’erezione, il complicato viene quando si cerca di capire a come si è arrivati alla disfunzione erettile (tenendo in conto che avere problemi erettili può essere anche una cosa fisiologica, “normale” con l’età). Al giorno d’oggi i rimedi per i problemi erettili sono vari: oltre alle più che conosciute pillole e alle ancora più datate iniezioni nel pene, esistono gocce da inserire nel meato uretrale (l’orifizio da dove esce l’urina), speciali supposte intra-uretrali e, per ultimo, esiste la chirurgia protesica che può essere semi-rigida (pene sempre eretto) o idraulica (attivabile e disattivabile manualmente). Riguardo quest’ultima, una delle tecniche innovative che voglio introdurre in Italia consiste nell’impianto protesico ambulatoriale ed in anestesia locale: il paziente si reca in clinica, si esegue un’anestesia speciale (blocco del pene) e procedo all’impianto della protesi di pene attraverso due piccole incisioni cutanee nel pene (ognuna di 2 cm). Al termine dell’intervento il paziente si medica, si alza e può andare a casa immediatamente dopo. Comodo, sicuro, privacy rispettata ed economicamente per niente impegnativo. In Italia, ad oggi, nessuno esegue questo tipo di intervento e mi piacerebbe cominciare proprio con la mia terra.

Last Updated on by Marco Cosentino